Remo Gaibazzi »
 L'associazione »
 Home  News  Eventi  Cos'è  lo Statuto  Attività  servizi  archivio Remo Gaibazzi
News » BRINDISI DI NATALE!

Mercoledì 12 dicembre alle ore 18 l’Associazione Remo Gaibazzi invita soci e simpatizzanti ad una serata di festa, ove verra illustrato il programma culturale per il 2019.

ll programma prevede due conferenze su Remo Gaibazzi:

"Gaibazzi e l’arte figurativa in Emilia negli anni ‘60" 
"Gaibazzi e la scrittura".


Farà seguito un ciclo di incontri, dal titolo: 
“ Dicono di noi

In relazione alle iniziative connesse a Parma capitale della cultura, il ciclo effettuerà una carrellata volta a raccontare ai parmigiani di oggi quello che hanno pensato di noi viaggiatori che, per cultura, per curiosità o per lavoro, hanno conosciuto e frequentato Parma nei secoli passati ma anche ai nostri giorni.
Senza pretese di completezza, si getterà uno sguardo nello specchio costituito dalle immagini che gli altri si sono fatte e si fanno di noi.     

Nel corso della serata Stefania Ancarani presenterà la sua ultima produzione di microsculture.

Stefania Ancarani, già in passato ospite dell'Associazione, unisce le arti del gioiello alla scultura e le tecniche delle pietre e dei metalli al divenire della forma. 

In questa rassegna, l'artista si è ispirata a un suggestivo verso di Wordsworth che dà il titolo all'evento
"Inquiete stelle,gemme d'ogni luce" (L'Escursione).                                                                               


Stefania Ancarani, nata a Bolzano e vissuta in diverse città d'Italia, dopo essersi interessata all'arte, ha intrapreso a Roma nel 1987 lo studio del disegno e della scultura.Ha approfondito queste materie all'Accademia del nudo di Roma, precisando così la sua scelta verso la scultura di piccole dimensioni: coppe, piastre in bassorilievo e monili.  Nelle sue opere privilegia l'uso dell'argento e del bronzo, pietre dure, grezze o lavorate in modo primitivo. Inesausta forgiatrice e modellatrice di metalli e di fili, gioca con gli stili, passa da influenze etrusche al barocco, attraversando greci e sciti, Cicladi e Cina.